Progetti di buone pratiche per i migranti

Sostenere i migranti e i rifugiati durante la loro integrazione nei paesi di accoglienza e nelle relative comunità sociali è un compito importante in tutta Europa. La loro partecipazione alla formazione continua è spesso inferiore a quella della popolazione locale. Durante la nostra ricerca abbiamo trovato alcuni approcci e progetti straordinari per un migliore supporto delle persone con un background migratorio.

Progetto

Quali-Fair indirizza le persone la cui prima lingua non è il tedesco, che vivono in Austria, e che vorrebbero avere accesso ad ulteriori opportunità di formazione e di istruzione (alto e medio livello), ma si confrontano con barriere di diversa natura (deficit di informazione, barriere linguistiche, apparentemente invalicabili esami di ammissione, ecc.). Quali-Fair può lavorare verso l'acquisizione di competenze ed il raggiungimento dei loro obiettivi educativi insieme a formatori didattici esperti. Insieme, progettano un piano formativo dettagliato per il graduale raggiungimento del fine educativo, chiariscono o creano le condizioni esterne necessarie per la sua realizzazione. Nel processo di realizzazione del progetto educativo, i partecipanti ricevono un sostegno intensivo da formatori didattici e dal Learning Centre aperto .

Implementazione / Transferibilità

L'obiettivo di Quali-Fair è quello di inserire i partecipanti in corsi di formazione e opportunità/posti di lavoro, in base alle loro competenze, piuttosto che inserirli in offerte formative che, in modo indiscriminato possono capitare al momento. Al fine di raggiungere questo obiettivo, la "descrizione delle competenze" di Quali-Fair è di vitale importanza come strumento che offre una visione olistica delle competenze individuali di ogni partecipante e costituisce la base per la formazione ideale di ogni individuo. E 'essenziale prendere in considerazione tutte le abilità e le competenze acquisite in modo informale e formale del partecipante, così come il suo/suoi desideri, le aspettative e gli obiettivi. Dopo aver intrapreso un percorso formativo, i partecipanti non sono lasciati soli, ma sono accompagnati fino al completamento con successo della formazione. Il Learning Centre aperto offre un facile accesso alle postazioni PC, vari materiali di apprendimento, possibilità di e-learning e esame delle offerte formative esistenti. I contenuti delle lezioni private, per quanto riguarda il trasferimento di conoscenze e il materiale didattico, sono adattati alle esigenze dei partecipanti.

Perché è speciale?

Quali-Fair è unico grazie al suo approccio olistico che comprende sia la formazione sia l'istruzione. Offre supporto ai propri partecipanti dalla decisione sul percorso formativo specifico da intraprendere al completamento del rispettivo programma di formazione o educativo. Il progetto è flessibile e nello specifico orientato al gruppo target. Impegnandosi intensamente con le loro competenze e gli obiettivi, i partecipanti sono in grado di ridurre le barriere educative e accedere alle risorse educative. A causa del libero accesso e aperto al Centro di apprendimento e le possibilità altamente individualizzate di usarlo, l'educazione è aperta anche a persone che non possono trarre profitto da altri tipi più formali di istruzione perché non hanno risorse di tempo adeguate, non possono permettersi a pagare un corso, o semplicemente non hanno lo spazio e la tranquillità necessaria per studiare e fare progressi in casa.

Contatti e informazioni aggiuntive


Progetto

La Svezia, come l'Olanda, è nota per le sue numerose associazioni e organizzazioni di vario tipo in cui sono trattati molti problemi della società. Il governo svedese, a vari livelli, nazionale, regionale e locale utilizza anche le associazioni come controparte quando si devono discutere modifiche alla normativa. Pertanto, l'obiettivo ufficiale verso nuovi gruppi di migranti in Svezia è stato quello di invitarli ad organizzarsi in associazioni, a livello locale, regionale e nazionale.

Gruppo target e obiettivo

Nel 2013 l'Associazione regionale contro la discriminazione di Östergötland ha avviato un circolo di studio per le donne provenienti da diversi background culturali, per incoraggiarle a partecipare al mondo delle associazioni in Svezia come un modo per esercitare influenza e potere nella società svedese. La ricerca ha dimostrato che soprattutto gli uomini sono coinvolti in nuove associazioni di immigrati e l'Associazione contro la discriminazione di Östergötland ha voluto prevenire uno sbilanciamento di genere, offrendo un’opportunità anche alle donne.

Il metodo

Il gruppo ha lavorato per un anno, utilizzando il metodo del circolo di studio in cui il coinvolgimento di tutti è fondamentale. Il metodo di studio a cerchio è molto popolare all'interno del sistema informale di educazione degli adulti in Svezia e ha otto principi:

1. Principio di uguaglianza e di democrazia; Il lavoro si basa sulla parità tra i membri del gruppo.
2. Principio di Liberazione; il lavoro nel circolo di studio dovrebbe procedere dalle esperienze e conoscenze d ei membri per liberare l e loro risorse.
3. Principio di cooperazione; lavorare insieme verso obiettivi finali reciprocamente condivisi, per aiutarsi l'un l'altro invece di competere.
4. Principio di libertà; gli obiettivi del circolo di studio sono determinati dai bisogni e desideri dei membri.
5. Principio di continuità e pianificazione; gli studi in un circolo di studio devono creare e mantenere un interesse per ulteriori studi. I membri istituiscono un piano per gli studi, per esempio quanto spesso si devono incontrare ecc
6. Principio di partecipazione attiva; ognuno ha il dovere di partecipare ed essere attivo.
7. Principio sul materiale di studio; molti circoli di studio creano il proprio materiale.
8. Principio di cambiamento e azione; i membri imparano non solo per se stessi, ma il circolo di studio si sforza di operare per il cambiamento e l'azione. Nelle persone questo può costituire arricchimento personale e miglioramento del loro ambiente.

Implementazione

20 donne hanno partecipato al circolo di studio per un anno e hanno studiato i diritti umani, come lavorare contro la discriminazione e il razzismo, come identificare il bullismo nelle associazioni, le funzioni e le responsabilità del consiglio, come fare domanda per un finanziamento, la retorica e il modo di esprimersi di fronte a un grande gruppo. Il gruppo ha anche prodotto un libro come fonte di ispirazione per le donne con un backgraund migratorio che può essere utilizzato in futuro da altri circoli di studio.

Perché è speciale?

Il circolo di studio si è concluso nel novembre 2014. 7 dei 20 partecipanti hanno iniziato diverse associazioni femminili e il resto si sentiva pronto a partecipare a varie attività come membri di un consiglio. Questo è stato un modo efficace e innovativo per rafforzare l’ influenza delle donne immigrate nella società svedese.

Contatti e informazioni aggiuntive


Progetto

In Italia il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo (SPRAR ), istituito con la legge n. 189/2002, è una rete di enti locali (Comuni e Province) che eseguono i progetti per richiedenti asilo e rifugiati che accedono al Fondo nazionale per le politiche ei servizi dell'asilo gestiti dal Ministero degli Interni. Il SPRAR Il coordinamento è garantito dal Servizio centrale con compiti di informazione, promozione, consulenza e assistenza tecnica alle autorità locali, così come il monitoraggio delle attività progettuali per asilo e beneficiari di protezione internazionale in Italia.

Grupp o target

Il target di riferimento sono richiedenti asilo e rifugiati che arrivano in Italia, via mare o attraverso le frontiere terrestri, spesso in condizioni che mettono a serio rischio la loro vita, per cercare protezione. La loro richiesta di protezione è vagliata da commissioni ad hoc nelle quali i richiedenti asilo illustrano le ragioni della loro fuga. Chi di loro riceve una “risposta positiva” può ottenere lo status di rifugiato o diventare titolare di protezione sussidiaria. Le coste a sud, ma anche le frontiere terrestri del nordest dell’Italia, sono da anni sottoposte ad una crescente pressione per i continui arrivi di migranti che chiedono asilo nel paese. Sono uomini, donne e bambini costretti a fuggire dal loro Paese a causa di persecuzioni, guerre, violazioni di diritti umani. Hanno dovuto abbandonare la casa, il lavoro, la famiglia, gli amici, gli affetti, le loro case, le abitudini, la normalità della vita quotidiana. Molti di loro non rivedranno mai più le persone care. Molti di loro hanno subito torture, violenze estreme e hanno vissuto la drammatica esperienza del naufragio. Per cercare protezione in Europa hanno fatto viaggi lunghissimi. In condizioni disumane hanno traversato continenti, Stati, deserti, mari rischiando di perdere tutto. Anche la vita. La costa sud, ma anche le frontiere terrestri del nordest d'Italia, sono da anni sempre più sotto pressione per i continui arrivi di migranti in cerca di asilo nel paese. Sono uomini, donne e bambini costretti a fuggire dal loro paese a causa di persecuzioni, guerre, violazioni dei diritti umani. Hanno dovuto abbandonare la loro casa, il lavoro, la famiglia, gli amici, cari, le loro case, le abitudini, normalità della vita quotidiana. Molti di loro non vedrà mai i più cari. Molti di loro sono stati sottoposti a torture, violenza estrema e hanno vissuto la drammatica esperienza del naufragio. Protezione a cercare in Europa ha fatto lunghi viaggi. In condizioni disumane hanno attraversato continenti, stati, deserti, mari e il rischio di perdere tutto. Anche la vita.

Scopo

Lo scopo del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo (S.P.R.A.R.), è quello di garantire accoglienza integrata di secondo livello a richiedenti asilo e rifugiati. Per questo motivo a partire dalle esperienze di accoglienza decentrata e in rete, realizzate tra il 1999 e il 2000 da Comuni, associazioni e organizzazioni non governative, nel 2001 il Ministero dell'Interno Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, l'Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) e l'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (UNHCR) hanno siglato un protocollo d'intesa per la realizzazione di un "Programma nazionale asilo" (PNA). Nasceva, così, la prima sperimentazione di un sistema pubblico per l'accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, diffuso su tutto il territorio italiano, con il coinvolgimento delle istituzioni centrali e locali, secondo una condivisione di responsabilità tra Ministero dell'Interno ed enti locali. La legge n.189/2002 ha successivamente istituzionalizzato queste misure di accoglienza organizzata, prevedendo la costituzione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR).

 

 

 

Metodo / Approccio

Il target group di riferimento viene raggiunto attraverso la segnalazione al Servizio Centrale della presenza sul territorio di richiedenti asilo e rifugiati e la richiesta di inserimento nei progetti di accoglienza della rete. Le segnalazioni possono essere fatte da:
➜ enti locali appartenenti alla rete SPRAR e non;
➜ enti gestori (associazioni e cooperative sociali) dei progetti territoriali dello SPRAR;
➜ enti di tutela;
➜ cooperative sociali, istituti religiosi e associazioni locali e/o nazionali;
➜ prefetture (per le quali è prevista una procedura adhoc);
➜ centri di identificazione ovvero centri di accoglienza per richiedenti asilo
➜ questure.
I centri di accoglienza del sistema Sprar hanno in questo senso un ruolo di osservatorio privilegiato sul territorio. Il metodo a cui si può far riferimento è la definizione dei modelli di segnalazione che possono essere utilizzati da questo Welfare. A livello territoriale gli enti locali, con il supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di “accoglienza integrata” che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socioeconomico.

Implementazione

Parliamo qui di migranti forzati che spesso si portano dietro grandi traumi e che subiscono, nei paesi ospitanti, uno shock culturale non indifferente. La presa in carico di queste persone ha lo scopo di far recuperare loro la propria autonomia attraverso una serie di servizi che partono dall’accoglienza materiale (ristoro e un luogo sicuro) fino all’orientamento e all’accesso ai servizi del territorio, all’insegnamento della lingua italiana, alla formazione e riqualificazione professionale, all’orientamento e all’accompagnamento all’inserimento lavorativo, abitativo e sociale, alla tutela legale e psico-socio-sanitaria. Inoltre nell’ambito dell’accoglienza dei richiedenti e dei titolari di protezione internazionale, così come più in generale in materia di servizi sociali, si fa riferimento al concetto di empowerment, inteso come un processo individuale e organizzato, attraverso il quale le singole persone possono (ri)costruire le proprie capacità di scelta e di progettazione e (ri)acquistare la percezione del proprio valore, delle proprie potenzialità e opportunità.

Perché è speciale?

Il sistema è speciale perché ha un approccio innovativo e questa innovatività consiste appunto nell’essersi dati un sistema per affrontare il fenomeno migratorio legato al diritto d’asilo in Italia attraverso la definizione di linee guida, degli standard qualitativi legittimati da un decreto ministeriale. Infatti rispetto ad iniziali interventi frammentari, valutati comunque positivamente, lo Stato ha voluto un’assunzione di responsabilità maggiore nei confronti del fenomeno creando, nel 2002, con la legge Bossi/ Fini, un sistema più organico di accoglienza basato su una rete strutturata e decentrata di centri di accoglienza che vengono finanziati da un Fondo Nazionale Asilo e ancorati a responsabilità pubbliche locali e alle specificità territoriali. Le caratteristiche principali di questo sistema sono quelle di essere:

1) Multilivello in quanto è una cogestione tra il livello nazionale (Ministero dell’Interno/Servizio Centrale) enti locali (Comuni, Unione dei comuni e Provincie) e enti del terzo settore.
2) Caratterizzato da una gestione decentrata e sostenibile dell’accoglienza in quanto i centri sono localizzati nei territori dei comuni italiani che chiedono accesso al finanziamento e ospitano piccoli numeri di beneficiari (15 persone per una popolazione fino a 5.000 abitanti).
3) Teso al rafforzamento delle reti territoriali e alla spinta al consolidamento del welfare sui territori nell’ottica delle pari opportunità, della facilitazione dell’accesso a diritti/servizi e della civile convivenza interculturale.

Contatti e informazioni aggiuntive


Progetto

Lo scopo di Melete è quello di identificare le barriere in materia di istruzione per le persone svantaggiate rispetto all’accesso ad opportunità formative, e di trovare e testare metodi per ridurre queste barriere, e svantaggi per il gruppo target. Il progetto offre un facile accesso all’ istruzione e all'apprendimento di tutti i giorni attraverso vari approcci e metodi (partecipazione, mentoring, approcci peer to peer , ecc).

Implementazione / Transferibilità

Melete offre ai migranti che hanno vissuto in Austria per un lungo periodo, un percorso formativo come "guide didattiche". Relatori provenienti da istituti di formazione e di consulenza di Salisburgo trasmettono tutto ciò che riguarda questo tipo di formazione. Le guide addestrate poi conducono un prezioso lavoro informativo nelle rispettive comunità, e i partecipanti ricevono informazioni sulle offerte di Melete. Queste offerte variano da opportunità a bassa soglia come cucinare insieme ad un "corso di tedesco integrato", dall'educazione dei genitori ad offerte formative quali alfabetizzazione informatica di base o matematica per la vita quotidiana. Inoltre, vengono addestrati dei tutor di apprendimento per accompagnare i partecipanti in base alle loro esigenze di apprendimento individuali.

Un significativo fattore di successo di Melete è l'ampia rete a cui fa riferimento e la collaborazione con le istituzioni scolastiche e di consulenza, con organizzazioni di migranti, e con gruppi di difesa. Attraverso questa rete, Melete e le sue offerte sono presenti in varie istituzioni e in vari eventi (ad esempio, durante le colazioni interculturali ecc).

Perché è speciale?

Melete uses a wealth of different methods and approaches to reach as many people as possible. Examples: In all of Melete’s offers, there are trainers and/or co-trainers with a migration background. They are better suited to grasping and dealing with the individual problems of the target group, and they can also serve as role models. In order to decide on the contents of the various educational offers participation workshops were held with educational guides and the participants of basic educational courses. Easy access and participant- orientation are achieved, for example, by offering courses for free, choosing familiar learning locations, not requiring previous knowledge (such as a certain language proficiency), or adapting course contents to the everyday lives of the participants (using authentic material such as bus timetables or package inserts).

Targeted PR for sensitisation and broad networking with various institutions and advocacy groups of the target group has led to the fact that Melete is now perceived as a regional brand that stands for successful and target-group oriented work with and for migrants.

Contatti e informazioni aggiuntive


Il Progetto

Il progetto TEPRO M si rivolge a soggetti in cerca di lavoro che vivono in ambienti socio-economici e culturali svantaggiati a Ostrava, Havirov, Olomouc, Prerov, e Prostejov - per lo più rom registrati presso l'Ufficio del lavoro per più di 5 mesi, e/o di coloro che si occupano di bambini sotto i 15 anni di età. L'organizzazione che si occupa dell’attuazione del progetto ed i suoi partner (Slesia Diaconate, People in Need) lavorano con il gruppo target a lungo termine, e si concentrano su come affrontare le attività che contribuiscono al degrado, ed ai principali ostacoli incontrati nel mercato del lavoro. Alcuni esempi includono: etnia rom, disinformazione, indicazioni fuorvianti, presenza di bassa o nessuna istruzione o mancanza di qualsiasi livello di qualifica, disoccupazione di lunga durata e scarsa motivazione per le attività di ricerca attiva del lavoro. Il gruppo target viene avvicinato in diversi modi:

➜ Direttamente da parte degli operatori di strada (nella zona in cui vivono);
➜ Attraverso gli uffici del Ministero del Lavoro;
➜ Attraverso la collaborazione delle ONG che operano nella regione;
➜ In collaborazione con i dipartimenti dei servizi sociali degli enti municipali delle città.
Persone formate in progetti precedenti che hanno avvicinato con successo potenziali offerenti nel loro luogo di residenza (in aree socialmente escluse) sono utilizzati come modelli.

Valutazione

Il progetto e le sue attività collegate sono stati continuamente valutati dai partecipanti attraverso questionari di valutazione e di auto-segnalazione. Al completamento del progetto è prevista una valutazione finale condotta concentrandosi su obiettivi e risultati.

La promozione del progetto è stato condotta attraverso vari canali tra cui volantini e manifesti distribuiti alle organizzazioni senza scopo di lucro, uffici del lavoro, dipartimenti dei servizi sociali nei comuni ecc Ulteriori informazioni sul progetto ei suoi risultati sono stati pubblicati sul sito web www.esfcr.cz.

Implementazione / Transferibilità

Il concept del progetto è che , con lievi modifiche, che riflettano le specificità di una regione in particolare, sia trasferibile anche ad altre regioni. (La prova consiste nella realizzazione di un progetto quasi identico e con risultati simili nella città di Liberec). Per quanto riguarda gli altri paesi, è nostra opinione che, con alcune modifiche e specifici adattamenti ai bisogni dei paesi vicini, che hanno caratteristiche socio-culturali simili (come la Slovacchia, la Polonia), il progetto può essere replicato con successo.

Perché è speciale?

"I partecipanti acquisiscono nuove competenze per lavorare nei servizi sociali" "Quasi la metà ha ricevuto un lavoro sulla base delle esperienze di lavoro e delle proprie competenze"

Continuazione

L'organizzazione che ha attuato il progetto ed i suoi partner continuano a lavorare con il gruppo target attraverso altri progetti correlati all'interno di diverse aree in Moravia e nella regione di Olomouc.

Contatti e informazioni aggiuntive


Progetto

Il progetto "metodi e pratiche innovative per facilitare l'inclusione sociale" parla di esclusione sociale, che è ancora molto elevata nei paesi dell'Unione Europea, e si offre di rafforzare l'approccio bottomup per aumentare la capacità e la volontà delle persone socialmente escluse per essere completamente integrate nella società. Il progetto introduce un modello di mobilità sociale - nuovi percorsi di apprendimento per aumentare la mobilità sociale e superare l'esclusione sociale. Il progetto è stato realizzato da otto organizzazioni provenienti da sei paesi europei: Repubblica Ceca, Germania, Lituania, Spagna, Paesi Bassi e Regno Unito.

Target Group

Il progetto si rivolge ai disoccupati con una particolare attenzione alle donne, agli anziani ed ai migranti

Scopo

Il progetto mira ad aumentare il livello di inclusione sociale dei gruppi target, dotandoli di conoscenze e competenze al fine di essere attivi nella società e nel mercato del lavoro.

 

 

 

Metodo / Approccio

Il modello della m obilità sociale s i compone di 3 parti:

1 Il metodo "Gruppo di mentoring sociale" che utilizza una metodologia basata sul gruppo per assicurare l'uso ottimale dell'esperienza del mentore, lavorando con piccoli gruppi di persone socialmente escluse e con problemi simili.
2 Il modello di inclusione sociale come strumento educativo per gli studenti per rafforzare la fiducia in se stessi imparando attraverso l’esperienza personale di persone che hanno superato l'esclusione sociale e si sono mossi con successo verso l'inclusione sociale.
3 Fornire materiale di formazione per i laboratori visivi sulle pari opportunità e la non discriminazione.

Implementazione / Transferibilità

Il modello della mobilità sociale può essere facilmente trasferito ad altri paesi. Sono disponibili on-line vari materiali del progetto, vale a dire presentazioni, set video, cartelle di lavoro, linee guida. Tutto il materiale è disponibile in inglese e parte del materiale è disponibile anche in ceco, olandese, tedesco, lituano e spagnolo.

Perché è speciale?

Il risultato del progetto "Social Mobility Model (SMM)" si presenta con la combinazione dei tre percorsi educativi interconnessi sopra indicati, ed è un ottimo strumento per le organizzazioni (educatori degli adulti, organizzazioni di istruzione per adulti, organizzazioni non governative, centri di comunità), che operano nel campo dell’inclusione sociale, per aiutare le persone socialmente svantaggiate a muoversi dall’esclusione sociale all’inclusione sociale.

Contatti e informazioni aggiuntive


BACKGROUND

Il programma educativo Gendalos è un progetto in corso da settembre 2013 ed è coordinato da IQ Roma servis, o.s. a Brno nella Repubblica Ceca.

Gendalos è un programma completo che supporta i giovani rom per aumentare le loro possibilità nel mercato del lavoro. Il programma di servizi è gratuito e accessibile a tutti all'interno del gruppo target.

A causa delle scarse abilità sociali e di apprendimento degli studenti Rom questi hanno meno possibilità di trovare un posto di lavoro rispetto al livello di competenze da loro raggiunto. Con il supporto del progetto, i giovani Rom hanno una maggiore possibilità di raggiungere un livello di istruzione più adeguato, e quindi hanno anche una maggiore possibilità di ottenere un impiego.

Gruppo target

L'obiettivo principale del progetto Gendalos è quello di sviluppare e migliorare le abilità sociali, così come le capacità cognitive in relazione al raggiungimento di un più elevato livello di istruzione. I membri del gruppo target del progetto sono:

1. Studenti rom nelle scuole superiori, college o università in età compresa tra i 15 ei 26 anni.
2. Gli studenti dell’ottava o nona classe che hanno tra i 13 ed i 14 anni. Questo è un periodo cruciale della vita di molti ragazzi in cui devono prendere una decisione su quale scuola secondaria frequenteranno.

Metodologia / Approccio

Gendalos collabora con insegnanti, psicologi scolastici, ecc di ciascuna delle scuole elementari e superiori con cui lavoriamo, e offre il programma alle scuole con studenti rom.

Gli studenti rom prenderanno parte attiva a Gendalos portando i loro interessi e le loro esigenze . Anche i genitori e volontari, che sostengono gli studenti su argomenti problematici, fanno parte nel programma.

Implementazione

Il punto di partenza del progetto è basato su un periodo di prova e a settembre 2013 è iniziato ufficialmente.

Fino ad oggi, gli studenti sono più che semplici utenti, essi stessi sono coinvolti in tutti gli aspetti del programma. Gli studenti partecipano attivamente, portando i loro interessi e bisogni in Gendalos.

I bambini delle classi ottava e nona ricevono assistenza negli studi per aumentare le loro opportunità di ottenere un più elevato livello di scuola secondaria. Nel corso di un percorso comprensivo di tre incontri a scuola, vengono spiegati i pro e i contro delle varie scuole secondarie. Gendalos offre anche il supporto per l'apprendimento.

Il programma aiuta gli studenti a passare il critico primo anno di scuola superiore. Il primo anno è di solito l'anno più difficile perché è un periodo di transizione. Buone capacità relazionali e di apprendimento determinano come gli studenti riescono a superarlo. Nuova scuola, nuovi compagni di classe, e il sovraccarico di informazioni, e di un programma di studi difficile, sono queste le sfide per tutti gli studenti in questo momento. Gendalos durante il primo anno della scuola secondaria si concentra maggiormente sulla formazione di competenze sociali e di tecniche di apprendimento.

Gendalos ha un fondo che offre sostegno finanziario agli studenti per materiale scolastico, biglietti per i mezzi pubblici, corsi di formazione e di assistenza per la candidatura per altri tipi di borse di studio o sovvenzioni.

Grazie al passaparola nella comunità rom, Gendalos è diventato molto popolare. Attualmente la pubblicità funziona per lo più attraverso i social media (Facebook) e internet (gendalos.cz). Inoltre, i servizi IQ Rom organizzano conferenze e presentazioni per diversi enti pubblici, come ad esempio il governo e le autorità. La raccolta fondi è combinato con gli eventi.

Opzioni di trasferimento

Il fondamento del programma è la cooperazione integrata con gli studenti Rom motivati e il coinvolgimento dei genitori e delle scuole. Questo programma è replicabile ovunque. Lavorare con gli studenti motivati è molto significativo, perché gli studenti hanno le proprie visioni per la loro vita e noi giochiamo più un ruolo di supporto.

Perché è speciale?

Con gli studenti rom, in età compresa tra i 13 e i 26, 'Gendalos' ottiene una migliore possibilità sul mercato del lavoro visto che li supporta durante il periodo di formazione.

Contatti e informazioni aggiuntive


 

 

 

Copyright 2015 team training - Webdesign: Thomas Penka